Informativa

Venerdì, 11 Aprile 2014 11:20

Sindrome dell'intestino irritabile

Scritto da 

Sindrome dell'intestino irritabile : Che cosa dovreste conoscere

Tutte le persone con IBS si creano problemi di parlare dei movimenti intestinali irregolari?

Per i milioni di persone che soffrono della sindrome dell'intestino irritabile ( IBS), la sintomatologia è, di irregolarità cronica, diarrea, gonfiore, costipazione e crampi addominali, tutto ciò rende la vita sicuramente non perfetta.

Anche se questi sintomi non sono un pericolo per la propria vita, possono sicuramente avere un impatto sulla qualità della vita stessa.

Allora, cosa si può fare se stai vivendo i sintomi di IBS?

Nathan Landesman, DO, un gastroenterologo e osteopata del Grand Blanc, Michigan, ha individuato i segni di questa condizione e fornisce una serie di suggerimenti per aiutare a regolare la salute dell'apparato digerente .

I sintomi di IBS
 
I movimenti intestinali possono darci i segni di un grave problema di salute?

Dipende, dice il Dott. Landesman, un disagio intestinale occasionale come la stipsi o diarrea è normale, ma quando è costante e comincia a diventare un problema della vostra routine quotidiana, allora è il momento di consultare un medico.

Secondo il Dott. Landesman, anche se non c'è una analisi disponibile che può definitivamente accertare la diagnosi di IBS, il medico può richiedere esami del sangue o prescrivere una radiografia o un endoscopia e/o colonscopia superiore per escludere le malattie più gravi, inoltre possono essere forniti consigli dietetici per escludere un'allergia o un'intolleranza alimentare.

Per assicurare una corretta diagnosi, il dottor Landesman consiglia di dire al vostro medico se si verificano sintomi di IBS comuni, come:

Cambiamento nella frequenza e consistenza delle feci (stipsi cronica o diarrea, che si verifica in genere dopo aver mangiato)
Grande disagio o dolore almeno tre giorni a settimana per diversi mesi
Bruciore di stomaco
Sensazione di pienezza precoce
Perdita di peso
Nausea
Gonfiore
Passaggio di muco nelle feci
Sensazione di incompleto svuotamento intestinale
Stanchezza
Dolore muscolare
Disturbi del sonno
Disfunzione sessuale

Assicuratevi di avere un dialogo aperto e costante con il vostro medico circa i sintomi, la divulgazione completa dei sintomi è il primo passo verso una corretta diagnosi e piano di trattamento. Ricordiamo comunque che una massa cancerogena, può mascherarsi come IBS.

Gestione dei sintomi di IBS
 
La causa di IBS è sconosciuta, ma molte persone pensano che i loro sintomi possono essere influenzati dalla dieta e dalla quantità di stress giornaliero,

Il Dott. Landesman, raccomanda di scrivere su un diario tutti i sintomi che si manifestano, in modo che il medico possa vedere come questi stressor cambiano nel tempo, e se quest'ultimi si riferiscono alla dieta allo stress e altri fattori .

Per aiutare a gestire i sintomi

Imparare o farsi aiutare da un osteopata, tecniche di riduzione dello stress imparando a rilassarsi, soprattutto quando il vostro intestino è in spasmo e sente il bisogno improvviso di andare in bagno. Il rilassamento serve anche per ottenere un sonno adeguato chè è molto importante per chi soffre di IBS.

Evitare caffeina, che può aumentareil cortisolo, l'ormone dello stress , così come le sigarette e l'alcol.

Evitare dolcificanti artificiali , caramelle e gomme da masticare (anche senza zucchero) , soda, e tutti quelle bibite che possono causare flatulenza e crampi .

Limitare, l'uso di carboidrati che sono stati ricosciuti come l'nnesco dei sintomi IBS. Gli alimenti in questione  sono:

Lattosio , e prodotti lattiero-caseari

Il fruttosio, che si trova in livelli più elevati nelle mele, pere, miele e sciroppo d' agave.

Fruttani , che si trovano nel frumento, cipolla e aglio.

Galattoligosaccaridi , che si trovano nei fagioli, lenticchie e soia

Polioli, che si trovano in ciliegie, albicocche, mele,  gomme e caramelle senza zucchero.

Per quanto riguarda la dieta deve essere a basso consumo di carboidrati, il Dr. Landesman consiglia di eliminare dalla dieta tutti gli alimenti che rientrano in questo gruppo per 2-6 settimane, in seguito introdurre un elemento alla volta per aiutare il medico a identificare quali di essi possa innescare i sintomi. 

Entrare in sintonia con il tuo corpo
 
Non ignorare l'irregolarità della fisiologia del nostro organismo, bisogna stare in sintonia e prestare molta attenzione a eventuali cambiamenti improvvisi o persistenti, se si notano cambiamenti delle funzioni del vostro organismo, non tardare a consultare il medico.

Con il loro aiuto , è possibile sviluppare un piano terapeutico con il vostro osteopata di fiducia, che può mettere la vostra mente e il vostro intestino, a proprio agio.

Letto 2213 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti