Informativa

Lunedì, 04 Maggio 2015 08:46

Misurazione pressoria della palpazione cranica

Palpazione

Misurazione pressoria della palpazione cranica usata dagli studenti di osteopatia: Effetti del training con protocollo standardizzato

Rafael Zegarra-Parodi, DO (England), MEd; Pierre de Chauvigny de Blot, DO (England); Luke D. Rickards, MOsteo (Australia); and Edouard-Olivier Renard, DO (France), MEd

Contesto:Le descrizioni delle percezioni palpatorie sottili nella palpazione osteopatica cranica possono essere mal percepite dagli studenti. Pertanto, un'adeguata diffusione e riproduzione delle tecniche di palpazione del cranio è stimolante per gli studenti di osteopatia.

Obiettivo:Valutare gli effetti del training del protocollo standardizzato sulla palpazione cranica della sutura frontomalare.

Metodi:Gli studenti del quarto anno di osteopatia dell’ “European Center for Osteopathic Higher Education” a Parigi, in Francia, sono stati reclutati e divisi casualmente in tre gruppi. Gli studenti del gruppo di studio hanno ricevuto istruzione attraverso un protocollo standardizzato per la valutazione palpatoria della sutura frontomalare; gli studenti del gruppo di controllo non hanno ricevuto l'istruzione; e gli studenti rimanenti hanno agito come soggetti. Un sensore di forza specializzato è stato posto sulla pelle che copre la sutura frontomalare sinistra di ogni soggetto. Gli studenti professionisti sono stati istruiti a palpare la sutura frontomalare sinistra dei soggetti, utilizzando la pressione consueta descritta per la valutazione e il trattamento della disfunzione somatica del cranio. Le misurazioni della pressione sono state esportate in un computer portatile.

Risultati:In ogni gruppo ci sono stati dodici studenti. Le pressioni della palpazione degli studenti praticanti  variava da 0,19 a 1,12 N/cm2, mentre le pressioni di palpazione medie per ciascun test variavano da 0,27 a 0,98 N/cm2. La pressione media (SD) della palpazione nel gruppo di studio e in quello di controllo era 0,55 N/cm2(0,16 N/cm2) e 0,53 N/cm2(0,15 N/cm2) rispettivamente. Non c'era alcuna differenza statisticamente significativa nella pressione media di palpazione usata dai due gruppi. Variazione sostanziale della performance del test è stato osservata in entrambi i gruppi.

Conclusione:Il training di palpazione è stato inefficace nel migliorare la precisione delle performance di palpazione cranica degli studenti professionisti. Le valutazioni quantitative delle pressioni di palpazione durante il training possono migliorare i risultati. A nostra conoscenza, i dati sulle pressioni di palpazione utilizzati durante la manipolazione osteopatica cranica non sono stati segnalati in precedenza nella letteratura medica.

J Am Osteopath Assoc. 2009;109:79-85

La manipolazione del cranio, o terapia craniosacrale, è una tecnica ampiamente praticata utilizzata da medici osteopati, osteopati formati all'estero, chiropratici, fisioterapisti e massaggiatori.15

La tecnica osteopatica cranica è stata descritta per la prima volta nel 1930 da William Garner Sutherland, DO.6  Secondo il modello di trattamento, i movimenti ritmici intrinseci del sistema nervoso centrale, definito il meccanismo respiratorio primario (PRM), crea delle pulsazioni di liquido cerebrospinale e oscillazioni relazionali specifiche delle membrane durali, che possono essere palpate direttamente tramite corrispondenti movimenti articolari delle ossa craniche e l'osso sacro.6

La terapia utilizza la palpazione e la manipolazione delicata per valutare e modificare i numerosi parametri di questo sistema per migliorare la salute dei pazienti.3  In particolare, restrizioni di movimento alle suture craniche sono ritenuti come in grado di influenzare negativamente gli impulsi ritmici veicolati attraverso il liquido cerebro-spinale, che a sua volta può risultare in una funzione fisica diminuita, o una funzione psicologica, o entrambe.1 , 5 , 7

I ricercatori 1 , 5 hanno sostenuto che la manipolazione cranica può beneficiare i pazienti con varie condizioni, tra cui l'autismo, trauma della nascita, coliche infantili, difficoltà di apprendimento, problemi muscolo-scheletrici, disturbi neurologici, sinusite, stress e disturbi emotivi. Tuttavia, è ancora da stabilire la prova dell'efficacia della manipolazione cranica nel trattamento di queste condizioni.1 , 5 , 8 , 9  Inoltre, evidenze scientifiche attuali non supportano i modelli esplicativi comunemente accettati di manipolazione osteopatica cranica.1 , 3 , 5 , 9

Tuttavia, molti professionisti interpretano la portata di prove aneddotiche, che sostengono il modello descrittivo e i risultati clinici, come sufficientemente convincenti da giustificare l'uso continuato della manipolazione cranica nella pratica clinica.9  Tuttavia, in assenza di prove verificate per le varie componenti degli attuali modelli diagnostici e di trattamento cranici, i professionisti della manipolazione cranica sono stati sfidati a dimostrare una relazione tra la terapia e i suoi risultati clinici positivi.8 -10

Studi sui risultati clinici di osteopatia cranica presentano ricercatori con un numero di sfide. Idealmente, la selezione dei partecipanti per uno studio clinico di ricerca dovrebbe includere l'uso di test diagnostici validi e affidabili in modo da assicurare l'omogeneità della popolazione di studio. Visto che non esiste uno standard di riferimento per la diagnosi delle disfunzioni PRM e visto che  non è stata stabilita l'affidabilità della palpazione cranica diagnostica,3 , 11  - 13  i dati dei risultati degli studi saranno probabilmente influenzati dall’eterogeneità dei partecipanti.12  Ad esempio, un processo che esamina l’efficacia della manipolazione cranica per la sinusite può includere partecipanti la cui sinusite è causata da una condizione diversa dalla disfunzione del PRM (come proposto dal modello cranico) e, quindi, può portare ad un apparente fallimento di un trattamento efficace. L'applicabilità dei dati dalla ricerca clinica dell'osteopatia cranica richiede anche che i componenti di un test diagnostico o di un intervento di trattamento siano precisamente descritti e standardizzati.14 Tuttavia,i modelli di osteopatia cranica propongono che l’intervento efficace dipende da modifiche correttive all'espressione individuale del PRM per ogni paziente.7 Sebbene l’esatta normalizzazione dei metodi di manipolazione del cranio potrebbe non essere possibile, alcuni componenti di manipolazione cranica (ad esempio, approccio diretto vs indiretto per disfunzioni modificanti, pressione della palpazione, contatto manuale del professionista, durata del trattamento) possono essere suscettibili di standardizzazione.

Informazioni precise riguardanti l'applicazione tecnica sono anche essenziali per garantire la corretta trasmissione delle tecniche di palpazione. L’istruzione pratica nella palpazione osteopatica cranica è dipendente dalle descrizioni di percezioni palpatorie altamente sottili, che possono essere mal percepite dagli studenti. La verifica e la standardizzazione di alcuni parametri che utilizzano metodi quantitativi possono aiutare la trasmissione e la percezione dell’ applicazione tecnica e quindi assicurare un'adeguata diffusione e riproduzione delle tecniche di palpazione craniali apprese dagli studenti di osteopatia.

L'obiettivo di questo studio è stato quello di valutare gli effetti del training con un protocollo standardizzato per l'esame palpatorio della sutura frontomalare sulle pressioni della palpazione utilizzate dagli studenti di osteopatia. Il protocollo di formazione era finalizzato a ridurre al minimo le variazioni nelle applicazioni di test di palpazione degli studenti. Abbiamo ipotizzato che il training pre-test sarebbe stato associato a differenze statisticamente significative tra le pressioni di palpazione applicate, se comparato con quelle di studenti di osteopatia che non hanno seguito il training – nello specifico, una magnitudo di forza minore e variazione inferiore della stima.

Il presente studio serviva anche come analisi di fattibilità per ulteriori ricerche che utilizzano metodi quantitativi per esaminare i parametri di palpazione del cranio con professionisti esperti.

A nostra conoscenza, la quantificazione delle pressioni di palpazione utilizzate in osteopatia cranica non è stata segnalata finora.

METODI

Il protocollo di studio è stato approvato dal consiglio scientifico del Centre Européen d'Enseignement Supérieur de l'Ostéopathie (European Center for Osteopathic Higher Education, CEESO) a Parigi, Francia.

PARTECIPANTI

I partecipanti sono stati reclutati dal corpo studentesco di osteopatia del quarto anno al CEESO. I partecipanti hanno dato il consenso verbale, dopo aver ricevuto la notifica verbale della procedura di studio.

I partecipanti sono stati divisi casualmente attraverso assegnazione consecutiva in tre gruppi uguali: un gruppo di studio, un gruppo di controllo, e soggetti. Gli studenti del gruppo di studio hanno ricevuto una formazione in un protocollo standardizzato per la valutazione della palpazione osteopatica e per il trattamento delle suture frontomalari. Gli studenti del gruppo di controllo non hanno ricevuto istruzioni circa la palpazione. Il terzo gruppo era composto da studenti che hanno agito come soggetti.

Poiché i partecipanti si conoscevano tra di loro, la familiarità degli studenti praticanti con la storia clinica dei soggetti, così come la precedente esperienza di palpazione cranica con il soggetto, non poteva essere esclusa. Nessun tentativo è stato fatto per nascondere agli studenti professionisti l’identità del soggetto durante il test di palpazione.

FORMAZIONE PRE-TEST

Prima del test sperimentale, il gruppo di studio è stato portato in una stanza separata da un istruttore esperto in manipolazione osteopatica cranica.L'istruttore (P.C.B) aveva 9 anni di esperienza nella pratica della manipolazione osteopatica cranica e 3 anni di esperienza nell'insegnamento.

Il protocollo era basato su tecniche di palpazione insegnate alla CEESO e sull'esperienza clinica del docente (P.C.B).Sono stati descritti diversi modelli per la manipolazione cranica che richiedono diversi livelli di abilità di percezione per gli approcci di diagnosi e trattamento.15Nel presente studio, agli studenti professionisti è stato insegnato a diagnosticare la disfunzione somatica cranica in un approccio "osseo", dove i livelli normali e anormali di tono nei muscoli extracranici devono essere valorizzati, così come i cambiamenti di texture del tessuto intorno ai punti di riferimento ossei. Pertanto, la formazione pre-test per il presente studio consisteva nella descrizione, dimostrazione e pratica di metodi consolidati per l'identificazione clinica dell'anatomia rilevante, applicazione e regolazione delle pressioni di palpazione, e "impegno" del movimento alla sutura frontomalare. Ogni studente ha ricevuto un orientamento individuale dall'istruttore. La sessione di training è durata circa 40 minuti. Durante questo tempo, il gruppo di controllo ha iniziato il test di palpazione.

ATTREZZATURA

I dati sulle pressioni di palpazione utilizzati nel corso dello studio sono stati ottenuti utilizzando un FlexiForce, ossia un sensore di forza tattile (Tekscan Inc, South Boston, Mass). FlexiForce consiste in un sensore flessibile e ultra-sottile di forza collegato ad un software di misurazione della forza installato su un normale personal computer. Il sensore utilizzato nel presente studio aveva un range di misurazione di 0 a 11,43 N/cm 2 , che si verificano in gradazioni di 0,09 N/cm 2 . L’area di superficie era 0,71 centimetri 2 con uno spessore di 0,2 mm. Poiché la palpazione del PRM viene spesso eseguita attraverso i vestiti, lo spessore del sensore non è stato ritenuto in grado di interferire con il processo palpazione. Per minimizzare l'errore del sistema FlexiForce, il sensore è stato calibrato il giorno della raccolta dati secondo le istruzioni del produttore. In queste condizioni, il margine di errore valutato del produttore era inferiore al 5%. L'apparecchiatura è stata già testata dal ricercatore primario (R.Z.P).

TEST DI PALPAZIONE

Tutte le misurazioni per entrambi i gruppi sono state effettuate lo stesso giorno in condizioni ambientali identiche. Tre lettini di trattamento sono stati sistemati nella stessa stanza, con un soggetto posizionato supino su ogni letto. Il sensore FlexiForce è stato posto sull’osso frontale sinistro del soggetto adiacente alla sutura frontomalare dallo stesso operatore (R.Z.P) per tutte le misurazioni (Figura 1). Lo studente praticante è stato posizionato in una sedia a capo del letto.Le punte delle dita della mano sinistra del professionista erano a contattato con l’osso frontale in corrispondenza della porzione supero-laterale dell'orbita, con il dito indice posizionato sopra il sensore di forza.Le punte delle dita della mano destra del professionista erano a contattato con il malare alla porzione infero-laterale dell'orbita. Quando lo studente praticante ha segnalato che "impegno" psicofisico era stato raggiunto con i movimenti PRM alla sutura, una misurazione della pressione di 2 secondi è stata registrata con il sistema FlexiForce in un computer portatile.A tutti gli studenti è stata nascosta la lettura della pressione. Tre studenti praticanti scelti a caso dal gruppo di controllo hanno eseguito il test prima una volta su ciascuno dei primi tre soggetti. Successivamente, sono stati selezionati altri tre studenti professionisti e soggetti, seguendo lo stesso processo di test.

                           Palpazione ricerca1

Figura 1. Posizione del soggetto, del professionista e del sensore di forza durante il test di palpazione. Sebbene questa foto mostri la posizione del dito sulla sutura frontomalare destra, il test di palpazione del presente studio è stato applicato alla sutura frontomalare sinistra

Questa procedura è stata ripetuta altre due volte, ognuna con una nuova serie di operatori e soggetti, con il risultato di tre misurazioni della pressione di ciascuno dei 12 studenti professionisti, e quindi un totale di 36 misurazioni per questo gruppo. Il numero di professionisti che attuavano la palpazione su ciascun soggetto era limitato a tre in conformità con le raccomandazioni della Federazione Internazionale di Medicina Manuale/Muscolo-scheletrica.16Queste linee guida16suggeriscono che il contatto con ciascun soggetto durante le procedure diagnostiche manuali deve essere ridotto al minimo per evitare possibili confondimenti dall’alterazione della fisiologia dei tessuti del soggetto o reazione alla cura. Un intervallo di 1 ora è stato fornito prima di iniziare la stessa procedura con il gruppo di studio.Abbiamo considerato la lunghezza di questa pausa sufficiente data la breve durata del test (2 secondi). Sono stati registrate un totale di 72 misurazioni della pressione.

ESTRAZIONE DEI DATI E ANALISI

FlexiForce registra una misurazione della pressione ogni 0,125 secondi, dando così un totale di 17 misurazioni di pressione per ogni registrazione di prova da 0 a 2 secondi (Figura 2).Le misurazioni sono state espresse in grammi-forza (gf). I dati non elaborati sono stati esportati in software Microsoft Excel (versione 2007; Microsoft Co, Redmond, Wash) e poi convertiti in N/cm2secondo il Sistema Internazionale di unità. Le misurazioni della pressione di ciascun test di 2 secondi sono state convertite in una media, che sono stati utilizzate per calcolare la pressione media di palpazione per ciascun gruppo. Un  test z è stato utilizzato per determinare se le differenze statisticamente significative esistevano tra la pressione media di palpazione di ciascun gruppo.Il coefficiente di variazione è stato calcolato anche per valutare le differenze intragruppo nella performance del test.

RISULTATI

Un totale di 36 studenti (14 uomini, 22 donne; [SD] età media il 24,6 [4,4] anni) sono stati arruolati nello studio. Tutti gli studenti hanno completato circa due anni di formazione nella manipolazione cranica osteopatica.Sono stati registrati dati completi per tutte le 72 prove. La pressione media di palpazione utilizzata da ogni studente praticante durante ogni test di due secondi è rappresentata in figura 3Le pressioni

                           Palpazione ricerca2

 

Figura 2. Esempio di misurazione della pressione registrate dal sensore FlexiForce (Tekscan Inc, South Boston, Mass) durante un test di 2-secondi. FlexiForce registra la misurazione della pressione ogni 0,125 secondi, fornendo così 17  misurazioni di pressione per ogni test.

della palpazione registrate durante tutta la procedura di studio oscillavano da 0,19 a 1,12 N/cm2, con pressioni medie dei test di 2 secondi oscillanti da 0,27 a 0,98 N/cm2(tabella).La media (SD) della pressione di palpazione registrata dal gruppo di controllo era 0,53 N/cm2(0,16 N/cm2) (95% CI (intervallo di confidenza), 0,48-0,58 N/cm2).La pressione (SD) media registrata dal gruppo di studio è stata 0,55 N/cm2(0,15 N/cm2) (95% CI, 0,5-0,6 N/cm2). Il coefficiente di variazione per il gruppo di controllo e di studio era 29% e 28%, rispettivamente, indicando una variazione sostanziale delle prestazioni del test tra i due gruppi. Il confronto delle pressioni medie di palpazione utilizzando il test z non ha indicato differenze statisticamente significative tra i due gruppi (z= 0.55,P= .58).

DISCUSSIONE

I risultati del presente studio suggeriscono che la formazione con un protocollo standardizzato era inefficace nel migliorare la precisione delle prestazioni di palpazione cranica eseguite dagli studenti di osteopatia. Determinare la rilevanza specifica di questo risultato, però, è difficile in assenza di dati normativi provenienti da esperti della manipolazione cranica. Se  misurazioni di pressione simili erano evidenti per i professionisti, allora la mancanza di una differenza statisticamente significativa tra i due gruppi potrebbe semplicemente riflettere un'adeguata diffusione della tecnica cranica tra i due gruppi di studenti. Tuttavia, variazioni di pressioni di  palpazione registrate tra i praticanti esperti dovrebbero essere esaminate e giustificate. In alternativa, è possibile che le descrizioni di manipolazione cranica non siano efficaci nel trasmettere istruzioni precise circa l'applicazione di pressione palpatoria.In altre parole, gli studenti possono non essere in grado di giudicare quanta pressione stanno usando dalla descrizione e dall'esperienza soggettiva della tecnica da sola.La formazione circa la manipolazione cranica utilizzando valutazioni quantitative delle pressioni di palpazione può trasmettere informazioni più precise circa l'applicazione tecnica. In assenza di dati normativi, è anche difficile determinare il significato clinico della variazione sostanziale nelle pressioni palpatorie registrate durante lo studio. È possibile che i professionisti dimostrerebbero una variazione simile di pressione di palpazione, forse riflettendo la scarsa affidabilità della stima dimostrata in diversi studi sulla palpazione dell'impulso ritmico craniale (CRI).3,11 -13,17La variazione può anche riflettere livelli diversi di abilità tra gli studenti di osteopatia o diverse interpretazioni dell’ istruzione avuta.

                      Palpazione ricerca3

                   Palpazione ricerca4

 

Figura 3.Pressione media di palpazione del test di 2-secondi eseguito da ogni studente professionista del gruppo di studio (A) e del gruppo di controllo (B). ogni studente ha applicato una pressione palpatoria a tre diversi soggetti. Il coefficiente di variazione era 29% per il gruppo di studio e 28% per il gruppo di controllo, indicando una variazione sostanziale della prestazione del test.

                                    Palpazione ricerca5

In alternativa, modelli PRM di "entrainment" (modelli biodinamici) propongono che l’espressione della palpazione del PRM a diversi livelli dipende da una complessa interazione di diversi oscillatori biologici tra il paziente e il professionista.18,19  In altre parole, come i professionisti si impegnano con il PRM a diversi livelli, così le pressioni di palpazione variano anche in base a specifici target fisiologici o dei tessuti di palpazione.19 -21  Di conseguenza, una diversa combinazione soggetto-professionista può comportare un'applicazione distinta di pressione di palpazione.22

Per nostra conoscenza, questo studio include i primi dati quantitativi sulle pressioni di palpazione utilizzate nella manipolazione cranica osteopatica. La pressione media di palpazione utilizzata dagli studenti professionisti del gruppo di studio è stata 0,55 N/cm2, che è stata calcolata da un valore medio di misurazione grezza di 40 gf. Questa forza è sostanzialmente maggiore di quella di 5 a 10 gf comunemente raccomandata per la manipolazione cranica.23Inoltre, la pressione media di minimo-due-secondi registrata durante lo studio (0,27 N/cm2; 20 gf) era due volte su quattro superiore alla pressione di palpazione consigliata.23  Come affermato in precedenza, interpretare queste misurazioni è difficile in assenza di dati forniti da professionisti esperti.È possibile che gli studenti abbiano mal interpretato le descrizioni istruttive di manipolazione cranica o che i professionisti di osteopatia cranica,in generale, abbiano sottovalutato la grandezza della forza generalmente applicata durante la manipolazione cranica. Ulteriori ricerche sono necessarie alla soluzione del problema.

I professionisti della manipolazione cranica osteopatica affermano che piccole forze manuali sono sufficienti a produrre un movimento specifico attraverso la sutura cranica. Downey et al5 hanno esaminato questa ipotesi utilizzando un modello di cranio di coniglio, che ha una notevole somiglianza con le suture craniche umane.Forze di distrazione da 5 a 20 gf sono state applicate in tutta la sutura coronale per simulare una tecnica "frontal lift" craniosacrale utilizzando la gamma di forza manuale comunemente raccomandata nei testi osteopatici.23  Non è stato registrato alcun movimento suturale fino alle forze di distrazione di 500 gf o e non ne sono stati applicati altri .Dati simili sono stati riportati da Lorsken et al.5,24

È stata registrata una forza massima di 81 gf durante l'attuale studio.Sebbene questa forza è stata più volte maggiore del range speculativo applicato da altri,23 essa è sostanzialmente inferiore rispetto alle forze necessarie per produrre il movimento oggettivo in suture craniche.5,24

LIMITAZIONI

La metodologia di questo studio non ha incluso misure pre-test di pressione di palpazione.Senza questi dati, non è possibile confermare che il protocollo di formazione non ha avuto effetto sulle prestazioni del test compiute dagli studenti  professionisti del gruppo di studio.

Inoltre, il campione dello studio era relativamente piccolo. Così, è possibile che l'analisi abbia mancato di potere sufficiente a dimostrare una differenza statisticamente significativa tra i gruppi.

La precisione dei dati registrati e riportati nel presente studio deve essere valutata con cautela.Il sensore flessibile utilizzato in questo studio misura le forze di palpazione in gradazioni di 0,09 N/cm2. Considerando la pressione di palpazione media registrata di 0,55 N/cm2nel gruppo di studio, la risoluzione di questo sensore potrebbe essere inadeguata per la misurazione di precise pressioni di palpazione applicate durante la manipolazione cranica. Le variazioni di pressione registrate nei test di 2 secondi possono anche riflettere la risoluzione inadeguata del sensore.Come osservato inFigura 2, le oscillazioni di una singola gradazione 0,09 N/cm2sono state registrate intorno ad una media stabile, suggerendo un campo di variazione di pressione di 0,18 N/cm2. Tuttavia, il sensore può avere variazioni di pressione gonfiate o sgonfiate all'interno del suo campo di risoluzione.  Dovrebbero essere condotte ricerche continue sulle pressioni di palpazione del cranio con un sensore a risoluzione più elevata.

I dati che dimostrano un'adeguata affidabilità dei vari componenti della palpazione cranica sono fondamentali per la validità delle affermazioni che indicano i risultati positivi per la salute dopo il trattamento come causati da una specifica correzione delle disfunzioni PRM. L’affidabilità dipende dalla capacità dei professionisti di riprodurre i vari parametri tecnici di un test.25,26  Se un fenomeno clinico teorico ha validità sufficiente per essere accessibile a un test specifico, standardizzare l'esecuzione di ogni parametro tecnico del test può aumentare la sua affidabilità.25  L'esecuzione di test di palpazione può raggiungere la massima riproducibilità, quando è effettuata con la stessa cinematica (posizione e movimento) e la stessa cinetica (forza e pressione).25Tuttavia, le variabili specifiche di un test possono essere più o meno attive nella produzione di affidabilità del test. Ad esempio, la standardizzazione della cinematica di un test per la fissazione vertebrale che utilizza la palpazione cervicale motoria è stata associata ad una maggiore affidabilità della stima nonostante una grande variazione nella cinetica applicata da ciascun esaminatore.26  Poiché i modelli cranici contemporanei, che predicono scarsa affidabilità della stima per il tasso di CRI , possono dipendere dalla pressione di palpazione come variabile essenziale, la standardizzazione delle pressioni di palpazione può essere una misura fondamentale nel dimostrare l'affidabilità della stima di altri componenti in questi modelli.

La completa dipendenza dalle percezioni palpatorie altamente sottili inerenti alla palpazione cranica osteopatica può predisporre quest’ultima ad interpretazioni errate e a diffusione inadeguata della tecnica manipolativa.Considerando che concezioni psico-fisico possono influenzare fortemente le esperienze sensoriali, diversi preconcetti a proposito della palpazione influenzeranno notevolmente la consistenza dell’applicazione tecnica.11,27 -29 Anche se la palpazione del cranio può essere considerata necessariamente variabile in risposta ai singoli pazienti, la verifica di alcuni parametri che utilizzano metodi quantitativi può essere di aiuto nella concezione iniziale di applicazione della tecnica e anche nel migliorare l'affidabilità della stima.Ulteriori ricerche sono necessarie per determinare le variabili di palpazione cranica osteopatica, che sono suscettibili di standardizzazione e per valutare il loro relativo effetto sulle prestazioni tecniche e sull’affidabilità della stima.

CONCLUSIONE

Il presente studio è il primo, a nostra conoscenza, nel fornire dati specifici sulle pressioni di palpazione utilizzati durante osteopatico palpazione cranica osteopatica. Tuttavia, i risultati indicano che la formazione pre-test con un protocollo standardizzato per la valutazione cranica osteopatica della sutura frontomalare era inefficace nel migliorare la precisione delle prestazioni di pressione di palpazione cranica compiute dagli studenti di osteopatia.

La formazione utilizzante valutazioni quantitative delle pressioni di palpazione può trasmettere informazioni più precise circa l'applicazione tecnica e la migliore precisione del professionista. Abbiamo pianificato ulteriori ricerche per verificare questa ipotesi. Inoltre, uno studio che analizza le pressioni di palpazione utilizzate da professionisti esperti è al momento in corso di pubblicazione.

RICONOSCIMENTI

Ringraziamo Michael M. Patterson, PhD, per averci introdotto alle attrezzature di misurazione della pressione utilizzate nel presente studio.

RIFERIMENTI

Green C, Martin C, Bassett K, Kazanjian A. A systematic review of craniosacral therapy: biological plausibility, assessment reliability and clinical effectiveness.Complement Ther Med. 1999;7:201-207.

Fowles K. What is the evidence for the effectiveness of craniosacral therapy [review]?Int J Ther Rehab. 2004;11:98 .

Hartman SE, Norton JM. A review of King HH and Lay EM. “Osteopathy in the Cranial Field,” inFoundations for Osteopathic Medicine, 2nd ed.Sci Rev Altern Med. 2004;8:24-28. Available at:http://faculty.une.edu/com/jnorton/PDFfilesCranial/SRAMArticle2005.pdf. Accessed January 26, 2009.

Stubbe R, Meslé R, Saby J, Coatmellec J. Analyse critique des risques attribués au traitement ostéopathique des nourrissons [review].Apo Still. 2006;17:11-17.

Downey PA, Barbano T, Kapur-Wadhwa R, Sciote JJ, Siegel MI, Mooney MP. Craniosacral therapy: the effects of cranial manipulation on intracranial pressure and cranial bone movement.J Orthop Sports Phys Ther. 2006;36:845-853.

Sutherland WG.The Cranial Bowl: A Treatise Relating to Cranial Articular Mobility, Cranial Articular Lesions and Cranial Technic. 2nd ed. Mankato, Minn: Free Press Company;1994 .

Chaitow L.Cranial Manipulation Theory and Practice: Osseous and Soft Tissue Approaches. Edinburgh, UK: Elsevier Churchill Livingstone; 1999.

Flynn TW, Cleland JA, Shaible P. Craniosacral therapy and professional responsibility [editorial].J Orthop Sports Phys Ther. 2006;36:834-836.

Moran R. Osteopathy in the cranial field—moving towards evidence for causality and effectiveness [editorial].Int J Osteopath Med. 2005;8:79-80.

10 Hartman SE. Cranial osteopathy: its fate seems clear [debate].Chiropr Osteopath. June 8, 2006;14:10. Available at:http://www.chiroandosteo.com/content/14/1/10. Accessed January 12, 2009.

11 Hartman SE, Norton JM. Interexaminer reliability and cranial osteopathy.Sci Rev Altern Med. Winter 2002;6(1):23-34. Available at:http://faculty.une.edu/com/shartman/sram.pdf. Accessed January 12, 2009.

12 Moran RW, Gibbons P. Intraexaminer and interexaminer reliability for palpation of the cranial rhythmic impulse at the head and sacrum.J Manipulative Physiol Ther. 2001;24:183-190.

13 Sommerfeld P, Kaider A, Klein P. Inter- and intraexaminer reliability in palpation of the “primary respiratory mechanism” within the “cranial concept.”Man Ther. 2004;9:22-29.

14 Olivo SA, Macedo LG, Gadotti IC, Fuentes J, Stanton T, Magee DJ. Scales to assess the quality of randomized controlled trials: a systematic review [published online ahead of print December 11, 2007].Phys Ther. 2008;8:156-175.

15 McPartland JM, Skinner E. The biodynamic model of osteopathy in the cranial field.Explore (NY). 2005;1:21-32.

16 Scientific Committee FIMM.Reproducibility and Validity Studies of Diagnostic Procedures in Manual/Musculoskeletal Medicine: Protocol Formats. 3rd ed. International Federation for Manual/Musculoskeletal Medicine; 2004. Available at:http://www.dsmm.org/Videnskab/Validityprotocol.doc. Accessed January 27, 2009.

17 Rogers JS, Witt PL, Gross MT, Hacke JD, Genova PA. Simultaneous palpation of the craniosacral rate at the head and feet: intrarater and interrater reliability and rate comparisons.Phys Ther. 1998;78:1175-1185. Available at:http://www.ptjournal.org/cgi/reprint/78/11/1175. Accessed January 12, 2009.

18 McPartland JM, Mein EA. Entrainment and the cranial rhythmic impulse.Altern Ther Health Med. 1997;3:40-45.

19 Norton JM. A tissue pressure model for the palpatory perception of the cranial rhythmic impulse.J Am Osteopath Assoc. 1991;91:975-977,980,983-984.

20 Farasyn A. New hypothesis for the origin of cranio-sacral motion.J Bodywork Movement Ther. 1999;3:229-237.

21 Farasyn A, Vanderschueren F. The decrease of the cranial rhythmic impulse during maximal physical exertion: an argument for the hypothesis of venomotion?J Bodywork Movement Ther. 2001;5:56-69.

22 Ferguson A. A review of the physiology of cranial osteopathy.J Osteopath Med. 2003;6:74-88.

23 Greenman PE. Craniosacral technique. In:Principles of Manual Medicine. 2nd ed. Baltimore, Md: Lippincott Williams and Wilkins; 1996: 159-172.

24 Losken HW, Mooney MP, Zoldos J, Tschakaloff A, Burrows AM, Smith TD, et al. Coronal suture response to distraction osteogenesis in rabbits with delayed-onset craniosynostosis.J Craniofac Surg. 1999;10:27-37.

25 Marcotte J, Normand MC, Black P. The kinematics of motion palpation and its effect on the reliability for cervical spine rotation.J Manipulative Physiol Ther. 2002;25:e7 .

26 Marcotte J, Normand MC, Black P. Measurement of the pressure applied during motion palpation and reliability for cervical spine rotation.J Manipulative Physiol Ther. 2005;28:591-596.

27 O'Malley JN. How real is the subluxation?J Manipulative Physiol Ther. 1997;21:482-487.

28 Hyman R. The mischief-making of ideomotor action.Sci Rev Altern Med. 1999;3:34-43.

29 Spitz HH.Nonconscious Movements: From Mystical Messages to Facilitated Communication. Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates; 1997.

Letto 2852 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti